Rinnovabili: il tango bond di Zanonato

Un intervento di Carlo Stagnaro sugli interventi del governo per ridurre i costi delle cosiddette rinnovabili:

“Infatti, a dispetto della retorica e del nome stesso affibbiato al provvedimento (‘taglia-bollette’) qui non siamo in presenza di alcun taglio. Del resto, per ridurre effettivamente l’onere dell’incentivazione sarebbe necessario rinegoziare

retroattivamente l’entità degli incentivi: con tutte le difficoltà, è questa l’unica via possibile, come hanno scritto anche Alberto Alesina e Francesco Giavazzi. L’operazione che Zanonato ha in mente è, invece, una mera ristrutturazione del debito: si riduce l’entità della rata, si allunga il numero della rata. Questo dal punto di vista del consumatore: dal punto di vista del produttore, invece, nulla cambia, perché ciascun titolare di impianti incentivati continuerà a ricevere quel che si aspetta fino all’ultimo centesimo”
Fonte: IBL.

Scritto da: Via dal Vento

2 Risposte

  1. Infine è da rilevare come il legislatore abbia inserito nel provvedimento una disposizione che regola il passaggio fra i due regimi. Infatti, ai sensi del successivo comma 4 dell’ art. 21, tale disposizione si applica ai soli contratti stipulati successivamente alla data di entrata in vigore della stessa legge. Pertanto tale regime si applica solo ai contratti stipulati successivamente al 15 agosto 2009, mentre per quelli stipulati anteriormente resta valido il regime di cui al precedente punto B) delineato dalla Legge 40/07 fino alla loro estinzione.

  2. Gentile signora Giusy, lei parla di onestà intellettuale, ma credo proprio che la persona “intellettualmente disonesta” sia lei! E’ palese che il messaggio 674, inserito appena 48 minuti (sarà un caso? Mah…) dopo il 673, è scritto dalla stessa mano del precedente! Contiene frasi con lo stesso periodo (es. vi lascio solo immaginare) e contiene gli stessi errori grammaticali (un’altro, un’euro, un’anno… essendo maschili vanno scritti senza apostrofo)! Mi sembra ridicolo ricorrere a certi stratagemmi e mi sembra davvero scorretto e intellettualmente disonesto, tanto per usare una sua notazione. Io non so e non mi interessa sapere i motivi che hanno causato la rottura della partnership fra Chimiclean e Saponando, ma ricorrere a tali bassezze mi sembra ridicolo! Attenzione, il mio rimprovero è rivolto ad entrambe le aziende e non solo a quella da lei rappresentata. Io stavo valutando l’ipotesi di aprire un punto vendita di detergenti alla spina nella mia città, ma a questo punto credo proprio che mi orienterò su un altro businnes, credo che questa battaglia sia controproducente per entrambe le aziende. Giusy, non me ne voglia, ma quando assisto a simili interventi tarocchi mi viene la pelle d’oca.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: