Comunicato stampa risultato finale ANALISI LATTE MATERNO

inviato da Associazione nuovaSALVAMBIENTE

Immagine in linea 1

Sede legale – POLLENZA – Via Menichelli, snc –  e mail: nuovasalvambiente@gmail.com

In concomitanza con la pubblicizzazione dei dati riscontrati dall’Arpam regionale circa i rischi per le popolazioni residenti in prossimità degli impianti di smaltimento dei rifiuti ed anche in concomitanza con l’avvio dell’indagine epidemiologica più volte richiesta dalla nostra associazione e definitivamente approvata dalla Provincia di Macerata e nella quale si dà avvio a questo genere di analisi dal 1.1.2014.
L’associazione tiene a comunicare che  in data 11.10.2012 ha promosso  uno screening del latte materno delle primipare residenti nei comuni ricadenti nelle aree d’influenza del Cosmari, ritenendo a tal proposito, viste anche altre esperienze nazionali, che era importate analizzare il latte materno, in quanto alimento teoricamente incontaminato.
Dopo aver applicato alla lettera il protocollo per la gestione di tutte le fasi indicate dal laboratorio di  Oderzo (TV) a cui ci siamo rivolti,  sono arrivati i risultati finali delle analisi richieste. e specificatamente per POLICLORO DIBENZO-p-DIOSSINE e POLICLORO DIBENZOFURANI.
In esse il laboratorio pur  riscontrando valori in linea con i dati storici in loro  possesso e con quelli della poca letteratura esistente in merito, confermano una presenza di diossine  per tre campioni su cinque analizzati;  relativamente   invece  all’assorbimento da parte dei bambini,  esse  in tutti i campioni esaminati superano i livelli previsti dall’Unione Europea ed anche, in maniera maggiore, quelli previsti dalle norme vigenti negli USA.
Chiaramente  allo stato attuale non è possibile risalire ad un nesso causale legato  ad eventuali fonti di inquinamento
Come Associazione ci si limita a ricordare le fuoriuscite di diossina dall’impianto di incenerimento del Cosmari causa determinante per la sua definitiva chiusura  avvenuta dopo l’ultimo episodio di luglio 2012
Consci che all’interno della nostra associazione non esistono figure capaci di  chiarire le reali pericolosità  dei dati raccolti e consci anche che le nostre finanze non hanno permesso di effettuare un numero di campioni più  significativo,  ci si è rivolti al Direttore del Dipartimento d’igiene e sanità pubblica dell’ASUR area vasta 3 di Macerata  affinché convochi urgentemente un incontro per approfondire la  tematica magari in presenza anche dei rappresentanti del Comune di Macerata che ha sponsorizzato lo studio .
PRESIDENTE
A.Gismondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: