NUOVA AZIONE LEGALE DEI COMITATI SUL RISPETTO DEI TEMPI MASSIMI DI ATTESA IN SANITA’

inivato da f.palazzi_arduini@comitatinrete.it
Durante l’assemblea-incontro di sabato 18 gennaio a Fossombrone, a cura di Comitato per la difesa dei diritti e Comitatinrete, è stata illustrata la nuova iniziativa legale a tutela del diritto alla salute, azione che integra la vertenza legale già in corso contro i tagli alla sanità nella nostra Provincia.
Qui di seguito il testo della brochure (scaricabile da http://www.comitatinrete.it) che illustra come procedere alla AZIONE LEGALE PER IL RECUPERO DEI COSTI DELLE PRESTAZIONI AMBULATORIALI A PAGAMENTO IN CASO DI MANCATO RISPETTO DEI TEMPI MASSIMI DI ATTESA: Continua a leggere

Stamina, la Procura di Torino valuta l’arresto di Vannoni

A breve verrà chiusa l’inchiesta del procuratore Raffaele Guariniello che indaga l’inventore del metodo e i suoi soci per associazione a delinquere finalizzata alla truffa e alla somministrazione di farmaci pericolosi. Mentre Presadiretta ha cercato di chiarire gli aspetti controversi sul caso che ha diviso l’Italia, Iacona: “Spero di aver riparato alla brutta figura che ha fatto la televisione”
di Lorenzo Galeazzi | 14 gennaio 2014

Stamina, la Procura di Torino valuta l’arresto di Vannoni

L’inchiesta della Procura di Torino sui protagonisti del metodo Stamina, che da mesi sta dividendo l’Italia, è agli sgoccioli e a breve si attende l’avviso di conclusione delle indagini. Sul tavolo del procuratore Raffaele Guariniello, che indaga Davide Vannoni e soci per associazione a delinquere finalizzata alla truffa e alla somministrazione di farmaci pericolosi, c’è anche l’indagine condotta dai Nas che suggeriscono la custodia in carcere per il patron. In procura non hanno ancora deciso e al momento tutte le opzioni sono valide, ma, quel che è certo è che i tempi in cui quella terapia veniva salutata come in grado di sconfiggere malattie incurabili sono ormai lontani.

Lo sa bene Riccardo Iacona che ieri sera a Presadiretta ha mandato in onda un’inchiesta sul metodo Stamina. “Spero di aver riparato alla brutta figura che ha fatto la televisione”, dice al Fatto Quotidiano. Sì, perché, secondo lui, il piccolo schermo ha una grave responsabilità: “Quella di aver raccontato senza filtro i drammi dei bambini malati, come Celeste e Sofia, che sono stati la testa d’ariete con cui la metodica di Vannoni è arrivata all’opinione pubblica”. Una spettacolarizzazione del dolore che ha rubato il posto alle evidenze scientifiche. E che, secondo il conduttore, è arrivata a un passo dal piegare la politica: “Tant’è che la prima versione del decreto Balduzzi prevedeva l’ingresso del metodo nel Servizio sanitario nazionale, senza che ci fosse nessuna prova della sua efficacia”.

Al contrario, a Presadiretta va in scena lo scontro fra la comunità scientifica internazionale, che considera il “metodo” una truffa, e la Stamina Foundation, in prima linea a difendere la bontà delle loro cure. Si raccontano le battaglie legali di chi vuole accedere alla terapia e chi invece l’ha fatta e, sentendosi truffato, chiede giustizia. Iacona descrive anche chi è l’inventore di Stamina: “Uno che sostiene di aver creato un elisir in grado di curare 25 patologie diverse”. Sarà anche perché nessuno sa ancora cosa ci sia esattamente dentro quegli infusi di cellule, come sostiene Elena Cattaneo. La senatrice a vita, ricercatrice di fama mondiale nel campo delle staminali, “per la prima volta in televisione” racconta ciò che pensano gli scienziati: all’interno dei protocolli non c’è niente di scientifico perché la ricerca non è ancora in grado di trasformare le cellule mesenchimali in neuroni capaci di riparare i danni provocati da malattie neurodegenerative. Continua a leggere

Venti nuovi casi di danno da vaccino alla settimana per l’avvocato di Rimini (Simone)

 

30

Ogni settimana mi arrivano venti casi di danni da vaccino. Ho oltre 400 situazioni in mano, al momento.

La battaglia è nel momento migliore dal punto di vista giuridico”. L’avvocato di Rimini Luca Ventaloro, in qualità di legale ma anche di rappresentante del Comilva, ha partecipato l’ottobre Continua a leggere

Stamina: la Sicilia non si arrende

Il ministero della Salute ha definitivamente bocciato la sperimentazione di Stamina. E’ grande lo sconforto tra le migliaia di disabili gravissimi – circa 25 mila in Italia, 300 solo in Sicilia – che speravano di sottoporsi alla cura con le cellule staminali mesenchimali del metodo Vannoni.

<iframe width=”640″ height=”360″ src=”//www.youtube.com/embed/YEGdFLfboBU?feature=player_embedded” frameborder=”0″ allowfullscreen>

Dopo il ‘no’ da Roma, venerdì, la madre di Mauro Terranova, il 23 modicano affetto da atassia spinocerebellare a cui lo stesso tribunale ha prima autorizzato e poi negato le cure, ha tentato il suicidio. A Roma, continua ad oltranza il presidio permanente dei malati che chiedono solo una opportunità Continua a leggere

DENUNCERANNO BEATRICE LORENZIN ED ENRICO LETTA PER CRIMINI CONTRO L’UMANITA’

COMUNICATO STAMPA DEL MOVIMENTO VITE SOSPESE

LE ASSOCIAZIONI IN DIFESA DEI MALATI GRAVISSIMI
DENUNCERANNO BEATRICE LORENZIN ED ENRICO LETTA
PER CRIMINI CONTRO L’UMANITA’

il premier enrico letta, il ministro della sanità beatrice lorenzin

 

Le Associazioni che difendono i malati gravissimi stanno per denunciare il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, e il Premier, Enrico Letta, per crimini contro l’umanità. L’accusa prende il via da quanto è accaduto, e ancora sta accadendo, in Italia in merito alla vicenda Stamina. A prendere la decisione di denunciare Continua a leggere

Broncospasmo virale. Mario Negri: “Beclometasone poco efficace nel prevenirlo”. Troppe prescrizioni inutili ai bambini

È quanto emerge da uno studio indipendente finanziato dall’Aifa e condotto dall’Irccs Mario Negri in collaborazione con un gruppo di pediatri di famiglia dell’Associazione culturale pediatri. Il farmaco viene prescritto ogni anno a 2 milioni di bambini e adolescenti italiani.

09 OTT – Il Beclometasone, farmaco prescritto ogni anno a 2 milioni di bambini e adolescenti italiani, ha un’efficacia modesta nel prevenire la comparsa di broncospasmo (wheezing) Continua a leggere

Il cancro dei soldi

di Silvia Mari

  Lo scandalo delle multinazionali produttrici di chemioterapici è ormai scoppiato grazie anche a medici coraggiosi e a stampa non addomesticata, in testa l’inchiesta di Jon La Pook della CBS News. Sarebbero moltissime le aziende che per ragioni di affari avrebbero smesso di produrre farmaci antitumorali di lungo corso, economici ed efficaci per lanciare prodotti di punta che sono invece costosissimi. Continua a leggere

Medici (pubblici e convenzionati), farmacisti, veterinari e dirigenti del Ssn a Letta: “Impensabile tagliare ancora la sanità”

Il Ssn non può essere ancora una volta il “salvadanaio” da depauperare per necessità di cassa. Ulteriori manovre sulla spesa sanitaria sono impensabili. Così tutti i sindacati della dirigenza medica, sanitaria e amministrativa del Ssn e della medicina convenzionata e privata in una lettera al presidente Letta.

09 OTT – “Il servizio sanitario non può essere ancora una volta l’agnello sacrificale, il salvadanaio da depauperare per arginare temporaneamente le necessità di cassa e per questo riteniamo impensabili ulteriori manovre nella prossima legge di stabilità che sottraggano nuovi pezzi ad un edificio già pericolante”. Continua a leggere

METODO STAMINA: NEWS DALLA SICILIA La Borsellino a Ragusa: madre invoca cure staminali per figlio

(MVS) – Ragusa 8 ott 2013 Alta tensione in serata all’arrivo dell’assessore Lucia Borsellino presso la sala dell’Avis di Ragusa.
La mamma di Mauro Terranova un giovane gravemente disabile ha protestato in maniera decisiva, con l’assessore Lucia Borsellino, chiedendo di poter praticare in Sicilia le cure staminali secondo il metodo Vannoni. Continua a leggere

Stamina: feroce replica di Andolina alle critiche della Cattaneo

La senatrice Elena Cattaneo, recentemente, aveva unito il suo forte “No!” agli altri detrattori del metodo Stamina, dichiarando che “Stamina non ha riscontri di cure, non ci sono prove cliniche e non è stata verificata l’efficacia” per cui il metodo non meritava la sperimentazione e la bocciatura della commissione di esperti era stata giusta. A replicare, oggi, è Marino Andolina, socio della Stamina Foundation insieme a Davide Vannoni.

Una replica feroce, poco diplomatica (“Ho ascoltato quanto ha detto la senatrice Cattaneo su La Sette e ho dovuto vomitare”) che racchiude tutta la rabbia che serpeggia negli ambienti di Stamina dopo la bocciatura Continua a leggere

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: