L’idea per salvare l’Italia dall’emorragia della crisi e dal credit crunch

fonte wallstreetitalia.com

 
 
Paolo Agnelli (Confimi Impresa): indispensabile rivalutare beni di impresa senza imposte aggiuntive
 
crisi-l-idea-di-paolo-agnelli-numero-uno-confimi-indispensabile-rivalutare-beni-di-impresa-senza-imposte-aggiuntive.aspx

Crisi, l’idea di Paolo Agnelli, numero uno Confimi: indispensabile rivalutare beni di impresa senza imposte aggiuntive.

ROMA  – Da qualunque punto di vista è stata una delusione l’interpretazione fornita dall’Agenzia delle Entrate sull’unica misura che poteva essere di significativo interesse per salvare molte imprese in perdita: la rivalutazione dei beni d’impresa.

La legge di Stabilità 2014, infatti, prevede la possibilità di rivalutare nel bilancio 2013 i beni d’impresa (immobili, impianti e attrezzature). Continua a leggere

Eurozona e credit crunch: ma dov’è la ripresa?

Situazione conclamata di contrazione del credito. Aziende in affanno, così continueranno a fallire.

ROMA (WSI) – Ripresa in Eurozona? Sarà, ma forse sarebbe più esatto parlare di una ripresa, in primo luogo, senza occupazione, e poi, in un contesto conclamato di credit crunch, a danno di imprese e famiglie.

Il problema della contrazione del credito, stando all’ultima relazione mensile sugli aggregati monetari diffusi dalla Banca centrale europea, è provato dai numeri: i prestiti bancari alle imprese non finanziarie sono scesi -3,8% ad agosto, su base annua, contro il -3,7% di luglio.

La flessione si riflette nel trend generale del credito erogato dalle banche al settore privato, che è sceso -2% da -1,9% del mese Continua a leggere

Barnard: perché la verità non avrà mai spazio in televisione

Voi vi siete accorti di aver un presidente del consiglio? Io no. Letta non è, è nulla, non so come dire: impalpabile, aria fritta, un ologramma pallido». Paolo Barnard guarda oltralpe: «I francesi si sono accorti che per fare pareggio di bilancio e per arrivare al 3% di deficit dovrebbero devastare tutta la loro piccola, media e grande industria nazionale, imponendole tasse impossibili». Così, il ministro francese delle finanze, Pierre Moscovici, ha avvertito Draghi, la Commissione Europea e la Germania: la Francia non rispetterà né il pareggio di bilancio né il contenimento del deficit entro il 3% del Pil. «Poi ci siamo noi, quelli che fanno pietà, con l’ologramma pallido che ci guida», incapace di spendere – per ricostruire l’Aquila – lo 0,1% di quello che spenderanno i francesi. Insieme all’Aquila, «rimarranno distrutti i nostri imprenditori tassati dal 50 al 70%, i nostri disoccupati, la nostra economia». Con il contributo decisivo di chi depista l’informazione: i media, che oscurano la verità e puntano tutto su intrattenitori finto-alternativi. Continua a leggere

MPS, azionisti infuriati: “banca regalata agli stranieri”

Manifesti tappezzano Siena: “Vogliono chiudere tutto per nascondere le vere responsabilità”.

Manifesti dei soci dell'Associazione Buongoverno Mps tappezzano Siena: "Vogliono chiudere tutto per nascondere le vere responsabilità".

Manifesti dei soci dell’Associazione Buongoverno Mps tappezzano Siena: “Vogliono chiudere tutto per nascondere le vere responsabilità”.

ROMA (WSI) – Un altro pezzo simbolico dell’Italia industriale e finanziaria se ne va? La banca piu’ vecchia del mondo potrebbe presto finire in mani estere.

“Abolizione del tetto del 4% + aumento di capitale = banca regalata agli stranieri”.

E’ quanto si legge nei manifesti sei metri per tre affissi a Siena dall’Associazione Buongoverno Mps in occasione dell’assemblea dei soci in corso a SIENA nell’Auditorium di Mps.

“Vogliono chiudere tutto – si legge ancora nei manifesti – per nascondere le vere responsabilita”’. Continua a leggere

Indesit chiude, “tutti a casa”. Alta tensione

L’allarme: “se il processo di delocalizzazione e deindustrializzazione andrà avanti incontrastato, per il 99% degli Italiani non ci sarà più un futuro”. Il tessuto imprenditoriale del paese a pezzi.
 Indesit chiude, "tutti a casa". Alta tensione

Continua a leggere

S&P: “banche tagliano 44 miliardi a imprese, rating Italia a rischio”

di: WallStreetItalia.com Pubblicato il 05 giugno 2013| Ora 08:53

Istituti di credito, rubinetti chiusi: lobby hanno intascato soldi Bce, nulla per l’economia.

Banche restie a concedere prestiti a imprese e famiglie. E le aziende devono attingere al mercato dei bond.
ROMA (WSI) – Nel corso del 2012 le banche hanno tagliato alle imprese italiane 44 miliardi di euro di finanziamenti. E’ quanto emerge da un report di Standard & Poor’s in cui si prevede un sempre maggior ricorso alle emissioni obbligazionarie da parte del nostro tessuto produttivo per far fronte alla ‘stretta’ creditizia.

Attualmente, rileva l’agenzia di rating, le imprese italiane attingono il 92% del loro fabbisogno finanziario di breve e lungo termine dalle banche ma “questa provvista sta diventando meno disponibile in quanto le banche italiane hanno avviato un percorso di riduzione della leva finanziaria”.

Questo fenomeno “insieme all’allentamento della legislazione d’impresa e fiscale per le medie imprese che è stata introdotta in Italia – si legge nel report – probabilmente incoraggerà l’emissione di più obbligazioni”. Già lo scorso anno le imprese italiane hanno emesso un ammontare netto di 20 miliardi di euro di bond colmando, peraltro solo in parte, il taglio dei finanziamenti da parte del sistema bancario.

Secondo S&P, in uno scenario di “crescita zero” in cui le imprese emettano bond solo per rifinanziare il debito esistente, la percentuale di obbligazioni sul totale dei finanziamenti potrebbe salire all’11%-14% nei prossimi cinque anni. In presenza di una ripresa della crescita economica il funding attraverso bond potrebbe arrivare fino al 14%-17%, sostenuto dalla crescita degli investimenti fissi.

L’agenzia americana ritiene che “un più ampio ricorso al mercato dei bond possa aiutare a migliorare la struttura di capitale delle imprese italiane e ridurre i rischi di rifinanziamento perchè potrebbe allungare le scadenze del debito e diversificare la base degli investitori”.

Tuttavia la sostituzione del debito bancario con quello obbligazionario sarà un processo “lungo e arduo” a causa dello “scarso interesse” da parte degli investitori istituzionali italiani per le emissioni delle medie imprese (in media l’80% delle obbligazioni sono state sottoscritte da investitori esteri) e “dell’assenza di un mercato sviluppato del private placement”.

‘Riteniamo che ulteriori azioni negative sul rating sono possibili nel 2013 in mancanza di una ripresa dell’economia domestica nell’ultima parte dell’anno”. E’ quanto inoltre afferma Standard & Poor’s nel report dedicato soprattutto allo spostamento delle imprese verso il mercato dei bond.

“Deboli risultati operativi stanno pesando sulla qualità del credito di molte delle 36 società che esaminiamo in Italia” rileva S&P sottolineando che il trend dei rating è stato “moderatamente negativo” nel 2012 e nel primo trimestre del 2013. Delle 25 azioni adottate, quelle negative sono state più del doppio di quelle positive.

Il contenuto di questo articolo, pubblicato da La Repubblica – che ringraziamo – esprime il pensiero dell’ autore e non necessariamente rappresenta la linea editoriale di Wall Street Italia, che rimane autonoma e indipendente.

Copyright © La Repubblica. All rights reserved

condizionare l’opinione pubblica

http://www.videoroof.com

Il Ministro Brunetta spiega quale sia il motivo per cui banche e grandi Continua a leggere

Quelli che la crisi manda a fondo

Fonte: WSI
Troppo grandi per fallire, troppo piccoli per essere aiutati. La crisi finanziaria che ha investito il mondo dalla fine del 2007 ha visto soccombere tutti: le imprese, le banche, le famiglie, la finanza, persino i governi, e adesso come nuova possibile vittima c’è anche una divisa, l’euro. Eppure, qualcuno è stato salvato, molti sono stati mandati ancora più a fondo. Lo ricorda, con accuratezza di dati e di cifre, il Rapporto sui diritti globali 2010, presentato stamane nella sede della Cgil a Roma dal curatore Sergio Segio, l’ex terrorista di Prima linea da anni impegnato nel sociale.

“Viviamo in una società sempre più spaventata del futuro, in cui i legami sociali sono sempre più deboli e quindi più fragile la sua coesione – rileva il segretario della Cgil Guglielmo Epifani – crescono l’individualismo e l’antagonismo laddove servirebbero relazioni e solidarietà”. Dalla crisi non sembra emergere un mondo migliore: “Passata la paura – dice Segio – tutto è tornato come rpima: banche e holding finanziarie e assicurative a macinare profitti, lavoratori a tirare la cinghia”.

Un ceto medio sempre più povero. Questo perché, ricorda Sergio, “l’inevitabile corrispettivo e conseguenza del too big to fail, del troppo grandi per fallire, è che vi sono i troppo piccoli, troppo deboli e troppo senza potere per essere aiutati. Anzi, sono loro a essere costretti ad aiutare i grandi – grandi e voraci – attraverso l’eterno gioco fondato sulla privatizzazione dei profitti e sulla socializzazione delle perdite”. Un giudizio troppo ideologico? Ci sono numeri e percentuali che lo sostengono. Limitandosi all’Italia, i dati parlano per il 2008 di 2.737.000 famiglie (l’11,3% del totale, con un incremento dello 0,2% sul 2007) in condizioni di povertà relativa. Con il ceto medio in bilico, pronto a raggiungere la parte più svantaggiata della popolazione: “1,8 milioni di famiglie giovani, a reddito medio-alto – si legge nel rapporto – soffrono a causa del mutuo per la casa, che porta il 56,5% di loro ad arrivare con difficoltà alla fine del mese, il 54% a non poter accantonare un solo euro”.

Poveri lavoratori. Non solo: “Nel 2009 le famiglie italiane si sono indebitate per 524 miliardi di euro, più del 2008, 21.270 euro per ogni cittadino. Per i lavoratori dipendenti, il debito annuo è di 15.900 euro, il 79,4% per la casa e il resto per consumi diversi”. Pensare che un tempo gli italiani erano un popolo di risparmiatori, e il risparmio era tale da costituire una barriera di protezione contro le crisi finanziarie. Adesso questo risparmio s’è dissolto.

Tra le ragioni principali ci sono i salari troppo bassi, al palo da un decennio: “Avere un lavoro non protegge dall’impoverimento. 13,6 milioni di lavoratori guadagnano meno di 1.300 euro netti al mese, di cui 6,9 milioni meno di 1.000”. “In sei anni, tra il 2002 e il 2008, il reddito netto familiare ha perso ogni anno 1.599 euro tra gli operai, 1.681 euro tra gli impiegati”. E quindi, nel 2009 “il 10% degli occupati è sotto la soglia della povertà relativa (un dato tra i peggiori dell’Unione Europea, che conta in media l’8%)”. Nel 2007 la percentuale era dell’8,6%. Sono quelli che le statistiche definiscono “working poor”, poveri con un’occupazione, solo un po’ meno poveri dei disoccupati.

L’emergenza casa. Gli aumenti dei prezzi, della disoccupazione e il livellamento verso il basso dei salari hanno aggravato l’emergenza casa. Entro il 2011, si legge nel rapporto, si stima che 150.000 famiglie italiane saranno sfrattate e perderanno così l’abitazione. L’affitto incide sui redditi dei pensionati e lavoratori dipendenti tra il 30 e 70%. Nel 2008 risulta un 18,6% in più di sfratti esecutivi rispetto al 2007. In Italia i senzatetto sono stimati tra 65 mila e 120 mila. Il problema è più grave per le famiglie straniere: 1 milione e 300.000 sono in affitto. L’85% ha un contratto non registrato o registrato per un canone inferiore al reale, “l’affitto di posti letto avviene in piena violazione delle norme, l’addebito di spese condominiali va spesso oltre il consentito e il legale, gli alloggi sono senza dotazioni minime nè certificazioni”.

C’è poi l’altro lato della medaglia. Nell’introduzione al rapporto Segio elenca uno dietro l’altro i superbonus e i superemolumenti ottenuti in tempi recentissimi dai manager di banche e imprese, sfidando le accuse di demagogia: “Carlo Puri Negri (ex vicepresidente esecutivo di Pirelli Re) con 14 milioni di euro, nonostante la società abbia chiuso l’anno con un passivo di 104 milioni; poi vengono Claudio De Conto (ex direttore generale di Pirelli) con 7,3 milioni e Marco Tronchetti Provera (presidente di Pirelli) con 5,6 milioni”.

Citati anche i top manager Fiat, nell’anno delle ristrutturazioni e degli annunci di lacrime e sangue: “l’ad Sergio Marchionne, ha percepito 4 milioni e 782 mila euro, poco meno dell’ex presidente della Fiat Luca Cordero di Montezemolo che ha incassato, sempre nel 2009, cinque milioni e 177 mila euro”. Le banche non sono state da meno, tanto che, conti alla mano, “con il compenso di 100 top manager si potrebbero insomma pagare i salari di 10.000 lavoratori”. Del resto è andata così anche nel resto del mondo: “Complessivamente, secondo uno studio del Wall Street Journal, i 38 maggiori istituti finanziari hanno distribuito ai loro collaboratori145 miliardi di dollari, con un incremento del 18% rispetto allo scorso anno e superando persino il 2007, l’ultimo anno della bolla speculativa prima del crac”.

Invertire la rotta. C’è ancora la possibilità di invertire la rotta, di “non sprecare una buona crisi”, come alcuni economisti ed esponenti politici hanno suggerito negli ultimi mesi? La Cgil ha una sua ricetta: “Uno dei principali punti di forza di un nuovo modello di sviluppo economico – sostiene Epifani – deve essere la convergenza fra reti di imprese sul territorio e reti telematiche. Questo non è un processo spontaneo, ma va perseguito con politiche mirate al recupero del ritardo strutturale del nostro paese nell’adozione di tecnologie innovative. L’Italia ha bisogno di un progetto forte anche sulle nuove frontiere della green economy, delle biotecnologie e della salute, delle infrastrutture materiali per una migliore mobilità e di quelle immateriali, costituite da reti relazionali complesse tra istituzioni, cultura, economia, ecologia e comunità locali”.

Rilanciare il Paese. Non si tratta solo di aiutare i più deboli, ma anche di rilanciare il paese che, ricorda il segretario della Cgil, “ha un gap di competitività nei confronti di altri Paesi anche perché non ha saputo scommettere sul sapere e sull’innovazione sociale e tecnologica”. Al di là delle continue rassicurazioni del governo sul fatto che “il peggio sarebbe passato e addirittura l’Italia avrebbe reagito meglio di altri Paesi”.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: