I nuovi obiettivi della Commissione europea per il 2030 contro le emissioni climalteranti

La solita cortina fumogena di argomentazioni ecologiste per coprire i poco nobili interessi delle lobby

nebbia

Importanti novità da Bruxelles, su cui sta per scatenarsi una tempesta senza precedenti proveniente da sud, innescata non dai cambiamenti climatici ma dalle prossime elezioni per il nuovo Parlamento europeo. Riportiamo dall’articolo “La Commissione Europea: ridurre le emissioni nocive del 40% entro il 2030“  del Sole 24 Ore del 22 gennaio a firma Beda Romano:

La Commissione europea ha deciso oggi di proporre ambiziosi obiettivi ambientali, proponendo una riduzione delle emissioni nocive del 40%, dai livelli del 1990, entro il 2030. Il target – se fatto proprio dai 28 governi dell’Unione – Continua a leggere

Dalla Regione Toscana per monte Gazzaro una brutta lezione

Una volta di più la proverbiale buona amministrazione delle “regioni rosse” appare un ricordo del tempo che fu, senza neppure bisogno di rottamazioni

Con riferimento alla notizia dell’autorizzazione concessa dalla Giunta della Regione Toscana a costruire l’impianto eolico di monte Gazzaro, Continua a leggere

Niente indulgenza plenaria perpetua a chi commette reati nel settore delle “energie pulite”: il codice penale si applica sempre e comunque

inviato da Da: Rete della Resistenza sui Crinali (comment-reply@wordpress.com)
Un utile promemoria per chi pensa che “energia pulita” sia una formula magica che mette chi la pronuncia al di sopra di leggi e regolamenti Approfittando del clamore nazionale ed internazionale suscitato dalla vicenda del sequestro dei beni di Vito Nicastri, un altro “Re dell’eolico” finito nei guai per le troppe liaisons dangereuses e per comportamenti, diciamo così, Continua a leggere

Segreti militari a Parma?

fonte Rete della Resistenza sui Crinali

In un clima di trasparenza e di ampia partecipazione democratica, a Parma gli eolici si stanno dando da fare: http://parma.repubblica.it/cronaca/2011/05/13/news/la_provincia_si_d_all_eolico_ecco_la_parma_wind_valley-16197008/ “Destinazione ancora misteriosa…” ; “Massimo riserbo sulla località…”. Poffarbacco! Ma che cosa sta per succedere? Si sta forse per implementare qualche nuova tecnologia rivoluzionaria finora tenuta nascosta ai comuni mortali? O si vuole più semplicemente Continua a leggere

Enorme sforzo collettivo contro il grande impianto eolico di monte Fontanavidola proposto da Enel Green Power

inviato da Rete della Resistenza sui Crinali
by mg
Pubblichiamo la lettera ricevuta dal locale comitato che si batte da molti mesi per contrastare quello che diventerebbe l’impianto eolico più grande del nord Italia. Ricordiamo che la zona interessata è una delle più povere dell’Appennino bolognese ed è scarsamente popolata, se si esclude la stagione turistica. I grandi sacrifici che sono stati compiuti per opporsi al Continua a leggere

In centinaia sul Monte Chiappo per dire no all’eolico industriale sui monti

Rete della Resistenza sui Crinali DA MG
Il monte Chiappo è il punto di incontro delle province di Alessandria, Pavia e Piacenza, a pochi chilometri dal genovesato. Domenica 8 maggio, questa cima alta 1700 metri ha visto confluire centinaia di escursionisti chiamati dal Comitato per il territorio delle Quattro Province, con il sostegno organizzativo dei CAI di Voghera, Novi Ligure e Tortona, ad affermare la propria contrarietà Continua a leggere

Confronto pubblico sull’eolico a San Sebastiano Curone (AL)

INVIATO DA MG
La provincia di Alessandria indice per
giovedì 31 Marzo 2011 nel Comune di San Sebastiano Curone
un Confronto Pubblico relativo alla presentazione di tre progetti inerenti la realizzazione di un ENORME Parco Eolico sull’appennino alessandrino.

La Giunta Provinciale di Alessandria ha deciso di attivare il confronto-contraddittorio tra i proponenti e i soggetti presentatori di osservazioni in considerazione delle estensioni degli impianti proposti e quindi del impatto sul territorio rappresentato dall’eventuale realizzazione dei medesimi.

Tutti cittadini interessati potranno intervenire all’incontro ed esporre le proprie osservazioni. Continua a leggere

Appello per “un radicale ridisegno della strategia italiana per le rinnovabili finalizzata al 2020″

http://reteresistenzacrinali.wordpress.com/2011/03/16/appello-per-un-radicale-ridisegno-della-strategia-italiana-per-le-rinnovabili-finalizzata-al-2020/
Postato il 16/03/2011 da mg

Assistiamo, nel settore delle energie rinnovabili, a uno spettacolo indecoroso e sconcertante. Incentivi generosissimi, i più alti al mondo, hanno determinato una vera e propria “corsa all’oro”, prima, nel settore dell’eolico, poi, nell’ultimo anno e mezzo, anche in quello del solare fotovoltaico.
A pagare sono tutti gli italiani, attraverso le bollette elettriche, mentre sono praticamente azzerati i fondi per la ricerca che, invece, in particolare per il fotovoltaico, sarebbero indispensabili. Continua a leggere

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: